Acqua, Ambiente

Certificazione di sostenibilità: settore del Turismo, Agroalimentare, Vitivinicolo, Ristorativo.

ertificazione di sostenibilità acque reflue - Equalitas, Equiplanet, Turismo sostenibile, Green KEy

Le Certificazioni di Sostenibilità e il ruolo dell'Acqua: Un Impegno di Dorabaltea.

 

La reputazione ambientale è tutto. La certificazione di sostenibilità come valore economico:

Un certificato di sostenibilità rappresenta un importante strumento per diversi settori, offrendo numerosi vantaggi sia alle aziende che all'ambiente.

Indice:

Certificazioni di Sostenibilità:

Gli impianti di depurazione di Dorabaltea giocano un ruolo chiave nel ridurre l'impronta idrica delle aziende, facilitando così l'ottenimento delle certificazioni di sostenibilità:

  • Nel Settore Vitivinicolo: Gli impianti di depurazione Dorabaltea riducono l'impronta idrica, risultando essenziali per ottenere la certificazione di sostenibilità Equalitas. La certificazione Equalitas offre un vantaggio competitivo tangibile nel mercato globale del vino. In alcuni paesi, i vini che vantano la certificazione Equalitas godono del privilegio di essere esposti su scaffali dedicati nei punti vendita, garantendo una visibilità maggiore rispetto ai prodotti non certificati. In alcuni importanti mercati le aziende prive di certificazione Equalitas non possono essere esportare i loro vini.
  • Nel Settore Agroalimentare: L'installazione dell'impianto aiuta le aziende agroalimentari a ridurre l'impronta idrica e ottenere la certificazione di sostenibilità Equiplanet, promuovendo così l'accesso a mercati internazionali sempre più attenti alla sostenibilità.
  • Nel Settore Turistico: La certificazione UNI EN ISO 21401 “Turismo Sostenibile” e Green Key sono diventate un elemento indispensabile per le strutture turistiche che desiderano evidenziare il proprio impegno verso la sostenibilità. Dorabaltea offre soluzioni che permettono di soddisfare i rigorosi standard richiesti, rendendo le strutture più attraenti per i tour operator internazionali.
  • Nel settore ristorativo : la certificazione Green Key rappresenta un vantaggio competitivo di rilievo, incrementando il valore della proposta ristorativa e distinguendo la struttura per una sempre più grande parte di clienti che privilegiano le strutture sostenibili. Le soluzioni Dorabaltea con tecnologia dedicata ATLAS AT Restaurant per il trattamento delle impegnative acque di scarico generate da questa attività, rappresentano un’importante facilitazione al raggiungimento degli standard di sostenibilità per l’ottenimento della certificazione Green Key.

Benefici per le Aziende:

  • Migliore reputazione e brand image: Dimostra l'impegno verso la sostenibilità, aumentando la fiducia dei consumatori e rafforzando l'immagine aziendale.
  • Maggiore accesso a nuovi mercati: I consumatori, sempre più attenti all'ambiente, sono disposti a pagare di più per prodotti sostenibili.
  • Riduzione dei costi: L'adozione di pratiche sostenibili può portare a un minor consumo di risorse e a una maggiore efficienza produttiva.
  • Migliore gestione dei rischi: La certificazione aiuta a gestire i rischi ambientali e sociali, garantendo una maggiore resilienza aziendale.

Equalitas, la certificazione nel settore vitivinicolo

Equalitas è una certificazione molto importante nel settore vitivinicolo ed è nata in seguito ad un’iniziativa di Federdoc e Unione Italiana Vini con la collaborazione di Valoritalia (il primo ente certificatore delle Denominazioni di Origine del Vino), CSQA Certificazioni (leader italiano nella certificazione agroalimentare), Gambero Rosso (il più grande gruppo editoriale dell’Afrigood) e 3Avino (società specializzata nella finanza vitivinicola).

Equalitas è uno standard sul vino sostenibile per dare una risposta alle esigenze del settore che aveva bisogno di dotarsi di uno schema condiviso, oggettivo e certificabile da un Ente terzo. Nell’ambito della sostenibilità ogni azienda deve fare i conti con i fattori sociali, ambientali ed economici. La normativa è applicata a tutta la filiera del vino e gli agricoltori, i trasformatori, gli imbottigliatori e i consorzi di tutela sono chiamati a rispettare le leggi e a dotarsi delle certificazioni previste. In particolare la norma prevede la certificazione di tre dimensioni produttive:

  • l’impresa (standard di Organizzazione);
  • il prodotto finito (standard di prodotto);
  • il territorio (standard di territorio)
Certificazione di sostenibilità acque reflue - 3 pilastri di sostenibilità settore vitivinicolo Equalitas

Equalitas prevede inoltre che ogni 3 anni l’organizzazione faccia una valutazione della water footprint e che stabilisca dei processi di miglioramento per un utilizzo corretto della risorsa idrica. La water footprint rappresenta l'impronta idrica, cioè un indicatore dell’impatto che un’attività o un singolo consumatore ha sulla risorsa acqua che comprende:

  • uso diretto: il volume totale di acqua dolce usata per produrre beni e servizi, misurata in termini di volumi d’acqua consumati;
  • uso indiretto;
  • inquinamento dell’acqua per unità di tempo.

Equalitas inoltre aumenta il prestigio e l’affidabilità dell’azienda vitivinicola, che può accedere a diversi mercati internazionali che richiedono appunto questa certificazione. In molti paesi le aziende non acquistano il vino senza questa certificazione, che quindi apre le porte a nuovi mercati. Inoltre con questa certificazione il vino ha un espositore da parte nei supermercati e ottiene una visibilità.

E’ ormai noto che da molti anni sia tender stranieri che monopoli internazionali decidano di importare solo vino certificato, e a dimostrazione di questo il fatto che negli ultimi mesi il numero delle aziende certificate è cresciuto a dismisura.

Per supportare l’integrazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 nelle politiche di sostenibilità e nei processi di reporting delle Organizzazioni, sono stati indicati i cosiddetti SDGs, cioè gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Nell’arco di ogni triennio di certificazione almeno una volta l’Organizzazione misura il livello di biodiversità nell’acqua, nell’aria e nel suolo usando la metodologia Biodiversity Friend.

Per Biodiversity Friend si intende uno standard di certificazione sviluppato nel 2010 dalla World Biodiversity Association che ha l’obiettivo di valutare, preservare e conservare la biodiversità. Per ottenere questa certificazione bisogna seguire una procedura che tiene conto degli impatti ambientali delle attività agricole sull’agrosistema e della biodiversità e indica le strategie più idonee per migliorare la qualità dell'ambiente delle aree agricole. Anche aziende agrituristiche, fattorie didattiche e aziende posizionate in zone montane caratterizzate da attività agro-silvo pastorali di tipo intensivo devono attenersi a questo protocollo.

Gli indici di biodiversità vengono misurati nel modo seguente:

  • Indice di biodiversità del suolo (IBS-bf): biomonitoraggio del suolo;
  • Indice di biodiversità acquatica (IBA-bf): biomonitoraggio dell’acqua;
  • Indice di biodiversità lichenica (IBL-bf): biomonitoraggio dell’aria.
Biodiversità acqua - indice di biodiversità - sostenibilità acque reflue

Nell’ambito della sostenibilità ambientale tra gli indicatori importanti c’è anche l’impronta carbonica. L’Organizzazione definisce e mantiene aggiornati i suoi confini organizzativi, con riferimento particolare alle emissioni e alle rimozioni di gas ad effetto serra delle installazioni, sulle quali esercita un controllo di tipo finanziario oppure operativo. L’Organizzazione almeno una volta durante il triennio di certificazione effettua una quantificazione delle emissioni di GHG (Greenhouse Gases), prendendo come riferimento la norma ISO 14064-1. Per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di GHG l’Organizzazione adotta il protocollo OIV (Enterprise Protocol).

Equalitas offre la possibilità di certificare:

  • Organizzazione Sostenibile (OS): azienda viticola, vitivinicola, cantina, imbottigliatore;
  • Prodotto Sostenibile (PS): uva, mosto, vino sfuso, vino confezionato;
  • Denominazione per la Sostenibilità (DPS).

 

A fronte del modulo OS la certificazione si applica per una specifica Ragione Sociale, Partita IVA e sede legale. Il modulo OS inoltre può essere applicato per tutti i siti dell’Organizzazione o limitatamente ad alcuni. In ogni caso deve essere applicato con riferimento a tutti i processi gestiti dall’Organizzazione richiedente nei siti coinvolti nella certificazione, quindi non sono ammesse esclusioni di processi produttivi.

Per ottimizzare e migliorare costantemente le prestazioni di sostenibilità delle Organizzazioni è previsto un percorso graduale secondo i seguenti step:

  • Requisiti Maggiori (M): requisiti da soddisfare al 100% dal primo anno di certificazione e per gli anni a venire per ottenere e mantenere la certificazione;
  • Requisiti Minori (m) e Raccomandazioni (R): requisiti che devono essere assolti in una percentuale compresa tra il 30% e il 10% nei primi tre anni di certificazione;
  • Indicatori di sostenibilità ambientale: da misurare entro il primo triennio di certificazione e in seguito almeno una volta nell’arco di ogni triennio.

 

Da segnalare infine l’introduzione di importanti novità previste dalla revisione 4 dello standard:

  • introduzione nell’ambito di applicazione dello standard anche dei prodotti vitivinicoli aromatizzati;
  • introduzione di nuovi requisiti relativi al piano di controllo e campionamento delle acque reflue di cantina; riesami dei piani di manutenzione delle attrezzature; gestione della privacy; calcolo dell’indice di frequenza e della gravità degli infortuni; calcolo degli indicatori etico-sociali; rapporti con terzi; corporate governance ecc.;
  • indicatori ambientali adeguati alle norme internazionali UNI EN ISO 14064-1 e 14067 (impronta carbonica di organizzazione e prodotto) e 14046 (impronta idrica).

Per soddisfare i requisiti dell’impronta idrica è importante installare l’impianto Dorabaltea che aiuta ad abbassare l’impronta idrica e garantisce un notevole miglioramento in termini di prestazioni, di qualità del vino e di riduzione dell’impatto sull’ambiente. Viene notevolmente ridotta il carico dell’acqua utilizzata, che significa meno spreco idrico e meno inquinamento anche attraverso il riutilizzo dell’acqua che da scarto grazie agli impianti di depurazione Dorabaltea è trasformata in nuova risorsa.

EquiPlanet

 

Altra certificazione importante è EquiPlanet, richiesta nel settore alimentare che prevede ogni 3 anni l’aggiornamento del calcolo water di footprint. EquiPlanet è l’innovativo standard di certificazione della sostenibilità destinato alle imprese agroalimentari, messo a punto da Valoritalia e Santa Chiara Next per rispondere alle esigenze delle aziende e delle imprese del settore agrifood di ottenere una certificazione di sostenibilità in linea con l’agenda ONU 2030.

 

Il certificato è stato presentato lo scorso 22 febbraio alla Sala Cavour del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste. Il professor Angelo Riccaboni, presidente di EquiPlanet, ha illustrato ad imprenditori, stampa, associazioni di categoria e dirigenti MASAF le finalità e le peculiarità di questo nuovo protocollo che ha due obiettivi principali:

  • soddisfare le esigenze delle imprese agroalimentari desiderose di certificare la sostenibilità dei loro prodotti;
  • fornire una risposta alle richieste di un mercato sempre più sensibile alle tematiche ambientali e sociali.

Lo standard si basa su una metodologia messa a punto dal Santa Chiara Next, in collaborazione con lo United Nations Sustainable Development Solutions Network e il Columbia Center on Sustainable Investment della Columbia University, oltre che sull’esperienza operativa maturata da Valoritalia con Equalitas.

La differenza principale di EquiPlanet, rispetto ad altre certificazioni, consiste nel fatto che non viene certificata la sostenibilità di ogni singolo prodotto, ma piuttosto la conformità delle politiche e dei processi aziendali agli obiettivi e ai requisiti stabiliti dall’Agenda ONU 2030. Lo standard si divide in 4 ambiti principali:

  • buona cittadinanza d’impresa;
  • sostenibilità di operazioni e processi;
  • sostenibilità della catena di fornitura;
  • prodotti e strategie che contribuiscono a diete sane e sostenibili.

Le imprese che vogliono certificarsi con EquiPlanet devono adottare un Sistema di Gestione della Sostenibilità, stabilire obiettivi misurabili e infine adottare tutte le contromisure necessarie per migliorare le prestazioni in termini di sostenibilità. Inoltre, devono anche pubblicare un Bilancio di Sostenibilità redatto con gli standard internazionali previsti dal Global Reporting Iniziative.

 

Le aziende che conseguono la certificazione EquiPlanet ottengono importanti vantaggi, ancora più evidenti se si prende in considerazione l’evoluzione del contesto giuridico circostante. Tra i più importanti ci sono l’allineamento con gli SGDs dell’Agenda ONU 2030 e il rispetto dei requisiti ESG (Environmental, Social, Governance). Le imprese non solo rispondono agli obblighi normativi previsti sia in ambito nazionale che comunitario, ma si adeguano alle nuove metodologie di valutazione del credito messe a punto dagli istituti bancari che prevedono rating differenziati proprio in base al grado di adesione ai requisiti della sostenibilità.

Per soddisfare i requisiti dell’impronta idrica è importante installare l’impianto Dorabaltea che aiuta ad abbassare l’impronta idrica e garantisce un notevole miglioramento in termini di prestazioni. L’impianto consente una gestione più virtuosa e oculata dell’acqua, un bene prezioso che richiede un utilizzo più attento alla luce degli obiettivi dell’Agenda ONU 2023, ma anche delle crisi climatiche come la siccità e la carenza idrica. Lo sai che con i nostri impianti puoi riutilizzare l’acqua così da ridurre gli sprechi, i costi e il consumo idrico? Clicca qui per contattarci e saperne di più!

Turismo sostenibile

 

Oggi si parla sempre più di turismo sostenibile, cioè un turismo capace di offrire esperienze divertenti e gradevoli agli ospiti delle strutture ma pienamente rispettose della natura e dell’ambiente circostante. E così è stata introdotta sempre da Valoritalia un’altra importanza certificazione di turismo sostenibile, che prevede l’applicazione della norma ISO 21401 che stabilisce i requisiti ambientali, sociali ed economici di un Sistema di Gestione per la Sostenibilità (SGS). Tale norma si può applicare ad ogni tipologia di struttura ricreativa che vuole adottare una politica green ed ecosostenibile. L’impresa deve ridurre l’impatto negativo delle sue attività sull’ambiente e massimizzare invece l’impatto positivo, contribuendo allo sviluppo sociale ed economico dei collaboratori e delle comunità locali e promuovendo il territorio circostante.

 

L’audit si suddivide in due stage:

  • stage 1: verifica documentale e presso la struttura;
  • stage 2: solo verifica presso la struttura.

Tra la verifica dello stage 1 e dello stage 2 possono passare anche di più di 6 mesi. Se emergono elementi non conformi, allora l’azienda deve eliminarli entro i termini previsti, dopodiché si prosegue con un riesame della pratica da parte del Comitato Esecutivo di Controllo e Certificazione. Concluso questo processo se non emergono ulteriori criticità viene rilasciato all’azienda il certificato secondo la UNI ISO 21401.

Una volta ottenuta la certificazione l’azienda deve anche mantenerla e quindi è soggetta ad una sorveglianza annuale. L’audit di sorveglianza si svolge una sola volta internamente presso la struttura. La certificazione ha una valenza triennale, quindi al terzo anno viene effettuato l’audit di rinnovo.

 

Il sistema di gestione per la sostenibilità prevede:

  • contesto dell’organizzazione;
  • impegno della direzione e politica di sostenibilità;
  • pianificazione (obiettivi, azioni per affrontare rischi e opportunità);
  • supporto al SGS (risorse adeguate, competenze, consapevolezza ecc.);
  • funzionamento dei processi e valutazione dei fornitori;
  • valutazioni delle prestazioni;
  • miglioramento continuo.

 

L’azienda deve minimizzare gli impatti negativi delle sue attività. I contenuti sono i seguenti:

  • preparazione e risposta alle emergenze ambientali;
  • aree naturali e biodiversità;
  • architettura e impatto edilizio;
  • progettazione di aree esterne;
  • rifiuti solidi effluenti ed emissioni;
  • conservazione e gestione dell’acqua;
  • gestione delle sostanze pericolose.

Per quanto riguarda lo sviluppo economico e sociale dei lavoratori e delle comunità dove risiede l’azienda, i contenuti previsti sono i seguenti:

  • comunità locali;
  • lavoro e reddito;
  • condizioni di lavoro;
  • aspetti culturali;
  • salute e istruzione;
  • popolazione autoctona.

Infine, per quanto riguarda gli aspetti economici i contenuti da analizzare sono tre:

  • redditività economica dell’organizzazione;
  • qualità e soddisfazione dell’ospite;
  • salute e sicurezza dei lavoratori e degli ospiti.

Programma Green Key.

Dorabaltea favorisce le aziende che vogliono aderire al Programma Green Key

 

Un impegno concreto per la salvaguardia del pianeta

Il turismo è un settore in continua crescita, che può avere un impatto significativo sull'ambiente. Il programma Green Key nasce proprio dall'esigenza di promuovere un turismo più sostenibile, che sia in grado di soddisfare le esigenze dei turisti nel rispetto dell'ambiente e delle comunità locali.

Nato nel 1994 dalla FEE (Foundation for Environmental Education), un'organizzazione no-profit con sede in Danimarca, Green Key è oggi il programma di certificazione per le strutture turistiche più diffuso al mondo, con oltre 3.200 stabilimenti certificati in 66 paesi. Green Key con la certificazione Bandiera Blu è uno dei più diffusi eco-label sul turismo a livello mondiale.

In Italia, il programma Green Key è gestito da FEE Italia, che collabora con enti e organizzazioni del settore turistico per promuovere la sostenibilità nel settore.

Come funziona il programma Green Key

Il programma Green Key si basa su un sistema di certificazione eco-label che valuta l'adesione delle strutture turistiche a rigorosi criteri ambientali. I criteri sono suddivisi in due macro-aree:

  • Criteri obbligatori: riguardano aspetti fondamentali della gestione ambientale, come la riduzione del consumo di acqua ed energia, la gestione dei rifiuti, l'utilizzo di prodotti ecocompatibili.
  • Criteri facoltativi: riguardano aspetti più specifici, come l'utilizzo di energie rinnovabili, l'acquisto di prodotti alimentari locali e di stagione, la promozione della mobilità sostenibile.

Criteri specifici per tipologia di struttura:

Grandi strutture (oltre 250 camere)

  • Criteri obbligatori:
    • Riduzione del consumo di acqua ed energia del 5% annuale
    • Raccolta differenziata dei rifiuti
    • Utilizzo di prodotti ecocompatibili per la pulizia e la manutenzione
    • Controllo delle emissioni inquinanti
  • Criteri facoltativi:
    • Utilizzo di energie rinnovabili
    • Acquisto di prodotti alimentari locali e di stagione
    • Promozione della mobilità sostenibile

Medie strutture (da 20 a 250 camere)

  • Criteri obbligatori:
    • Riduzione del consumo di acqua ed energia del 3% annuale
    • Raccolta differenziata dei rifiuti
    • Utilizzo di prodotti ecocompatibili per la pulizia e la manutenzione
  • Criteri facoltativi:
    • Utilizzo di energie rinnovabili
    • Acquisto di prodotti alimentari locali e di stagione
    • Promozione della mobilità sostenibile

Ristoranti

  • Criteri obbligatori:
    • Riduzione del consumo di acqua ed energia
    • Raccolta differenziata dei rifiuti
    • Utilizzo di prodotti ecocompatibili per la pulizia e la manutenzione
  • Criteri facoltativi:
    • Acquisto di prodotti alimentari locali e di stagione
    • Promozione di una cucina sostenibile
    • Utilizzo di stoviglie e tovaglie riutilizzabili

 Certificazione di sostenibilità acque reflue.

Per soddisfare i requisiti dell'impronta idrica, è importante installare l'impianto di trattamento delle acque reflue e riutilizzo delle acque depurate, con prestazioni di efficienza certificate.

L'impianto di depurazione delle acque reflue Dorabaltea:

  • Aiuta ad abbassare l'impronta idrica della struttura, riducendo il consumo di acqua.
  • Garantisce un notevole miglioramento in termini di prestazioni energetiche, consentendo un risparmio idrico sostenibile.
  • Utilizza tecnologie avanzate per il trattamento e il riutilizzo delle acque reflue.

Le strutture che desiderano ottenere la certificazione Green Key devono seguire un processo di adesione, adeguamento, audit e verifica.

 

I benefici della certificazione Green Key

Le strutture certificate Green Key ottengono numerosi benefici, tra cui:

 

  • Miglioramento dell'immagine aziendale: la certificazione Green Key è un riconoscimento importante che dimostra l'impegno della struttura verso la sostenibilità. Questo può attrarre nuovi clienti che sono attenti all'ambiente e che cercano di fare scelte responsabili.
  • Aumento della competitività sul mercato: i tour operator sono sempre più attenti all'ambiente e scelgono di indirizzare i turisti in strutture che si impegnano a ridurre il loro impatto ambientale. La certificazione Green Key può quindi essere un vantaggio competitivo per le strutture che la ottengono.
  • Riduzione dei costi di gestione: l'adozione di buone pratiche ambientali può portare a una riduzione dei costi di gestione della struttura, come il consumo di acqua ed energia.
  • Fidelizzazione dei clienti: i clienti che soggiornano in una struttura certificata Green Key sono più propensi a ritornare e a consigliare la struttura ad altri.
  • Miglioramento del morale del personale: il personale che lavora in una struttura certificata Green Key è più consapevole dell'importanza della sostenibilità e può essere più motivato a lavorare in modo responsabile.
  • Accesso a nuove opportunità di mercato: la certificazione Green Key può aprire le porte a nuove opportunità di mercato, come la partecipazione a bandi di gara o l'accesso a canali di distribuzione specializzati.
  • Preferenza da parte degli istituti finanziari : le Banche favoriscono con migliori condizioni i clienti sostenibilmente certificati, i quali possono ottenere finanziamenti a differenza di quelli che non lo sono.
  • Assicurazioni del rischio ambientale : le compagnie assicurative favoriscono le aziende certificate Green Key le quali hanno un minore rischio di incorrere in danni dovuti ai cambiamenti climatici in atto.
  • Contribuito alla protezione dell'ambiente: le strutture certificate Green Key contribuiscono a ridurre l'impatto del turismo sull'ambiente, proteggendo le risorse naturali e la biodiversità.

In sintesi, la certificazione Green Key può essere un importante strumento per le strutture turistiche che vogliono migliorare la loro performance ambientale, aumentare la loro competitività sul mercato e contribuire a un turismo più sostenibile.

 

Oltre ai benefici sopra elencati, le strutture certificate Green Key possono anche:

  • Utilizzare il logo Green Key nei loro materiali promozionali.
  • Partecipare a eventi e iniziative promozionali organizzate da FEE Italia.
  • Ricevere formazione e assistenza da FEE Italia.

Innovazione e Sostenibilità: Il ruolo degli Impianti di Trattamento Acqua

L'installazione di impianti di trattamento delle acque reflue è fondamentale per ottenere certificazioni di sostenibilità. Le nostre tecnologie avanzate permettono il riutilizzo delle acque reflue in vari processi aziendali, quali il lavaggio di piazzali, pavimenti, gli sciacquoni dei bagni, l'irrigazione di giardini e l'alimentazione delle cassette antincendio. Questo non solo evidenzia il nostro impegno verso la sostenibilità, ma ottimizza anche l'uso delle risorse idriche, riducendo il consumo di acqua fresca e gli sprechi.

 

Perché Scegliere Dorabaltea?

Scegliere Dorabaltea significa optare per un partner che non solo comprende i requisiti tecnici per il trattamento e il riutilizzo dell'acqua, ma che è anche profondamente impegnato nel percorso verso la sostenibilità. La nostra esperienza e le nostre tecnologie rispondono direttamente ai criteri richiesti dalle certificazioni di sostenibilità, offrendo alle aziende un vantaggio competitivo significativo. Con Dorabaltea, le aziende possono non solo accedere a nuovi mercati, ma anche rispondere alla crescente domanda di pratiche rispettose dell'ambiente, rafforzando così la propria immagine e il proprio impegno verso un futuro più verde.

 

Scoprite come i nostri progetti stanno facendo la differenza e unisciti a noi in questa missione cruciale per un futuro più sostenibile. Visita Dorabaltea Progetti https://www.dorabaltea.com/progetti/ per approfondire il nostro impegno e le nostre realizzazioni. Insieme, possiamo costruire un domani migliore, in armonia con il nostro ambiente 🌟.